ita eng a b z q N
Lacryma Christi del Vesuvio rosso
bottiglia Lacryma Christi del vesuvio rosso linea tradizione - Astroni

Lacryma Christi del Vesuvio rosso

Denominazione di Origine Protetta

La fama di questo meraviglioso angolo di mondo ha fatto fiorire miti e leggende: “Dio riconoscendo nel golfo di Napoli un lembo di cielo asportato da Lucifero, pianse e laddove caddero le lacrime divine sorsero le viti del Lacryma Christi"

Scheda tecnica

Vitigno | 

Piedirosso, Aglianico

Zona di produzione | 

Agro Vesuviano

Terreno | 

franco - sabbioso

Sistema di allevamento | 

pergola bassa e cordone speronato

Produzione per ettaro | 

80 quintali

Periodo di vendemmia | 

terza decade di Ottobre

Raccolta | 

manuale

Vinificazione

Tecnica prefermentativa | 

macerazione più o meno lunga con delestagee

Fermentazione | 

acciaio per 2 settimane

Temperatura di fermentazione | 

24° - 26° C

Affinamento | 

in acciaio e bottiglia

Grado alcolico | 

12,5%

Caratteristiche organolettiche

Colore rosso intenso, con sfumature brunastre; al naso molto complesso presenta evidenti note speziate accompagnate da profumi di liquirizia, di fieno e leggere sfumature di violetta. In bocca presentando un'ottima persistenza è vellutato e ben strutturato, fresco e connotato di naturali sensazioni retro olfattive.

Abbinamenti gastronomici

Si abbina molto bene agli arrosti, al pollame nobile, ai formaggi piccanti, ai peperoni imbottiti, alla parmigiana di melanzane, alla pasta condita con sughi di carne e soprattutto al famoso ragù napoletano.

Piedirosso - Aglianico

Piedirosso - Aglianico

Il Piedirosso è un vitigno autoctono campano presente nella regione da tempo immemorabile e con estensioni inferiori solo all'Aglianico. È conosciuto con il nome dialettale "Per’ e palummo" che descrive una caratteristica morfologica del rachide che vede i pedicelli dei chicchi colorati di rosso come quelli di una zampa di colombo.
Il vitigno è molto vigoroso, con maturazione medio-tardiva nei primi 20 giorni di ottobre. Le rese sono nella media o basse, ma costanti. È molto concentrata in zuccheri con acidità media. Presenta grappoli di dimensioni medio-grandi, a forma piramidale e a spargolo. I chicchi sono di media grandezza, sferici, con alte concentrazioni di pruina sulla spessa buccia di colore rosso-violaceo.
Il vitigno si trova bene anche sui terreni calcarei ma in quelli di origine vulcanica della Campania trova il suo ambiente naturale.

L’Aglianico, di origine ellenica, è uno dei vitigni rossi più importanti della Campania. Viene definito anche il Barolo del Sud per la ricchezza e profondità dei suoi aromi e l'adattabilità a molti tipi di vinificazione.
Preferisce terreni di origine vulcanica, il grappolo si presenta compatto, cilindrico, con acini sferici dalla buccia fine molto pruinosa. Il colore è blu e all'interno la polpa risulta ben dotata di acidità e astringenza. Fornisce ottime rese costanti e buone resistenze a freddo e malattie, il sistema di allevamento più utilizzato è l'alberello con potatura corta.

Linea Tradizione

Bianchi
Rossi

Piedirosso Campi Flegrei

Denominazione di Origine Protetta

Falanghina Campi Flegrei

Denominazione di Origine Protetta

Lacryma Christi del Vesuvio rosso

Denominazione di Origine Protetta

Lacryma Christi del Vesuvio bianco

Denominazione di Origine Protetta

Lettere Penisola Sorrentina

Denominazione di Origine Protetta

Gragnano Penisola Sorrentina

Denominazione di Origine Protetta

Aglianico Sannio

Denominazione di Origine Protetta

Coda di Volpe Sannio

Denominazione di Origine Protetta