ita eng a b z q N
Iscriviti alla nostra newsletter...

News ed eventi

31/08/2010

Cena in vigna con il ristorante...La Compagnia del Ragù

La Compagnia del Ragù - Ristorante

Presenta

mercoledì 8 Settembre ore 20,00

presso Cantina Astroni
+
13/07/2010

Benvenuto! Il portale di Slow Food Campi Flegrei nasce per essere la voce e l'espressione di un territorio che amiamo profondamente.


Slow Food e la condotta dei Campi Flegrei

Slow Food
Slow Food significa dare la giusta importanza al piacere legato al cibo, imparando a godere della diversità delle ricette e dei sapori, a riconoscere la varietà dei luoghi di produzione e degli artefici, a rispettare i ritmi delle stagioni e del convivio.
Slow Food afferma la necessità dell'educazione del gusto come migliore difesa contro la cattiva qualità e le frodi e come strada maestra contro l'omologazione dei nostri pasti; opera per la salvaguardia delle cucine locali, delle produzioni tradizionali, delle specie vegetali e animali a rischio di estinzione; sostiene un nuovo modello di agricoltura, meno intensivo e più pulito.
Slow Food, attraverso progetti (Presìdi), pubblicazioni (Slow Food Editore), eventi (Terra Madre) e manifestazioni (Salone del Gusto, Cheese, Slow Fish) difende la biodiversità e i diritti dei popoli alla sovranità alimentare.
La rete degli oltre 100 000 associati di Slow Food è suddivisa in sedi locali - dette Condotte in Italia e Convivium nel mondo, coordinate da un Convivium leader - che si occupano di organizzare corsi, degustazioni, cene, viaggi, di promuovere a livello locale le campagne lanciate dall'associazione, di attivare progetti diffusi come gli orti scolastici e di partecipare ai grandi eventi organizzati da Slow Food a livello internazionale. Sono attivi più di 1000 Convivium Slow Food in 130 Paesi, comprese le 410 Condotte in Italia

La condotta dei Campi Flegrei
La Condotta dei Campi è tra le prime nate in Campania. Insiste su un’area di grande fascino. Infatti, i Campi Flegrei (da [phlegraios] = ardente) sono uno dei bacini dal punto di vista storico, archeologico, culturale e naturalistico più interessanti dell’intera fascia mediterranea. Terra di tradizioni antiche, riunisce potenti e distruttive trasformazioni geologiche (il Monte Nuovo formatosi dall’eruzione del 29-30 settembre 1538, è il monte più giovane d’Europa) e paesaggi di incomparabile bellezza. Terra del Mito come qualcuno suole chiamarla, racchiude in sé autentici gioielli: un museo a cielo aperto si schiude agli occhi dell’attento osservatore come anche dell’insolito viaggiatore.
La natura vulcanica dei Campi Flegrei era già nota quando Virgilio scriveva, elaborando il sesto libro dell’Eneide, “tizzoni ardenti e faville dalla montagna in fiamme volano dalle sue viscere e si congiungono in un arco di cielo”. Ed infatti qui immaginò la discesa agli inferi in prossimità del lago d’Averno. Col tempo è stata insidiata ed in parte compromessa dalla smodata ed incontrollata crescita urbanistica degli anni ’70 ed ’80 (un deturpante abusivismo edilizio ha compromesso l’integrità di questo territorio).
Numerosi sono i gioielli custoditi sul suo territorio si ricordano, il museo dei campi flegrei all’interno del complesso del castello di Baia, il parco archeologico di baia, l’area dell’antica Cuma con l’antro della sibilla, l’anfiteatro flavio, il rione terra, la piscina mirabile e mille altre sorprese di questo angolo di mediterraneo.
La condotta è da tempo impegnata a sostenere e promuovere le produzioni locali e da sempre è vicina agli operatori del territorio che con gran fatica stanno cercando un proprio percorso fuori dal contesto di una ristorazione legata a banchetti ed eventi.
La condotta si è, inoltre, fatta promotrice di numerosi corsi Master of Food e continua a svolgere diverse attività. Oggi è impegnata più che mai sul fronte delle comunità del cibo e sulla sostenibilità delle produzioni. Da qualche mese è nata la Comunità del Cibo della Cicerchia Flegrea, che raggruppa 4 produttori intenzionati a riprendere la coltivazione e a tutelare il prodotto da prodotti di altra derivazione.

Per maggiori informazioni

www.slowfoodcampiflegrei.com

+
10/05/2010

Cantine Aperte 2010 - Domenica 30 maggio - Trame Barocche a Cantine Astroni ?Percorsi Artistici ed Enogastronomici DiVini?

Cantine Aperte

Domenica 30 Maggio agli Astroni ritorna l’annuale appuntamento di Cantine Aperte: Trame Barocche “Percorsi Artistici ed Enogastronomici DiVini”, difatti, in adesione al Movimento Turismo del Vino e alla formula turistico culturale campana “Barocco in scena”, anche quest’anno Cantine Astroni riapre nuovamente le porte della sua cantina ad enoturisti e curiosi che intendono scoprire i “capolavori della natura”, le bellezze delle vigne e di una cantina di città, attraverso un percorso artistico culturale ed enogastronomico che ricorderà la grande stagione del Barocco.
Grazie alla partecipazione di Slow Food Campi Flegrei, Sabina Albano Modart Gallery, Agenzia Gaylord, Giusi Giustino Costumista e Direttore della Sartoria del Teatro di San Carlo, Party House nonché di diversi artisti contemporanei a Cantine Astroni saranno di scena Cultura, Natura e Biodiversità.

Dalle ore 10:00 alle ore 18:00 saranno proposte ad intervalli regolari le seguenti attività:

1. Passeggiando tra le vigne: visite guidate ai vigneti dell’azienda, con vista panoramica della Riserva Naturale dello Stato Cratere degli Astroni e approfondimento dei principali aspetti geologici, storici e naturalistici dell’oasi WWF.

2. Visita in cantina: visite guidate alla cantina, durante le quali lo staff di Cantine Astroni, illustrerà il progetto aziendale, nonchè le principali lavorazioni vinicole svolte dall’azienda.

3. Voci dalla (bio) diversità: una questione di Qualità!? Degustazioni e confronti sulla tipicità e sulle produzioni locali. Laboratori di degustazione a cura di Slow Food Campi Flegrei (uniche attività per le quali è prevista l’obbligatorietà di prenotazione e un simbolico contributo economico pari a 5,00 Euro)

Durante tutta la giornata sarà inoltre possibile assistere a :

4. Un “tuffo” nella Terra: visione del Museo Contadino (appositamente organizzato ed allestito per l’evento), dove artefatti artigianali e culturali (Foto, documenti, ..) cercheranno di raccontare le origini, la storia e l’evoluzione nel tempo della viticoltura nel territorio flegreo;

5. “Trame Barocche”: un inedito viaggio attraverso le arti figurative dove la festa barocca si nutre della natura attraverso mmolteplici forme

• In cantina, grazie alla Modart Gallery sotto la direzione dell’eclettica gallerista Sabina Albano, le opere e le performance di diversi artisti contemporanei quali Cristina Ascarelli, Schatzy Mosca, Carla Seller, Lucia Gangari, Carmine Dello Ioio, Marco Abbamondi e Attilio Sommella (Studio ABSO), Francesca Pierattini Rossello, racconteranno un modo originalissimo di reinterpretare i fasti di un periodo tanto singolare quale quello Barocco attraverso l’esaltazione di una nuova coscienza che fa dialogare il finito e l’infinito, lo sguardo e la natura, la realtà e il sogno. Le opere e le scenografie degli artisti presenti oltre a coinvolgere lo spettatore con materiali non convenzionali, attraverso combinazioni da guardare ed indossare, interpreteranno e ricostruiranno la natura, la natura che crea e conserva. Il colore proteggendo la tela metterà in scena il mondo.

Esposizione di 2 Costumi di scena dell’opera seria in tre atti “MONTEZUMA”, creati dalla costumista e Direttore della Sartoria del Teatro di San Carlo Giusi Giustino.

6. Barocco e Musica: Antonio Imparato 4et

7. Iniziative di cultura gastronomica, durante le quali sarà possibile conoscere e gustare prelibatezze della tradizione eno - gastronomica flegrea e campana, dai prodotti della terra ai vini dei Campi Flegrei,
fioriranno attorno all’evento, ciò anche grazie alla partecipazione di Party House sweet union e Slow Food Campi Flegrei.

8. Visite guidate presso Riserva Naturale - Oasi WWF "Cratere degli Astroni": saranno disponibili Visite Guidate gratuite alle ore 10.30 ed alle ore 15.30, unico contributo previsto sarà quello per l’ingresso (5,00 euro adulti, 3,00 bambini). La prenotazione è da svolgersi direttamente all’Oasi, Tel. 081 5883720.

La partecipazione all’evento è gratuita

Per info e prenotazioni (lun-ven/h 10-13 – 15-18:00) questi i nostri contatti:
Tel: 0815884182
Fax: 0815889937
e.mail: info@cantineastroni.com
www.cantineastroni.com

+
1...11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19

Rassegna stampa

27/10/2022

Naples’ Volcanic Wines -  Wine Spectator - Robert Camuto

The first morning I woke in western Naples’ Campi Flegrei area, the view from my hotel terrace seemed paradisiacal.
Looking down the verdant hillsides, I took in the late-summer panorama of the glistening Gulf of Naples framed by the islands Capri and Ischia.
Then I noticed the smell: A putrid odor of rotten eggs seemed to have crept in on the morning breeze.
I quickly learned from other guests that this was not the fault of bad plumbing or pollution, but is the natural calling card of one of Europe’s largest active volcanic zones.
The Campi Flegrei (or Phlegraean Fields) is one giant smoldering super-volcano, with dozens of craters spread over about 80 square miles—much of that within the densely populated city limits of Naples, one of Europe’s most historic and chaotic metropolises. In the nearby countrysides are craters that look like large mining pits, where fumaroles release potent-smelling sulfurous gas.
Talk about volcanic terroir! In recent years, volcanic soils have become a hot topic in wine. But aside from Sicily’s Mount Etna, many of these so-called volcanic places haven’t been active for thousands of years.
At the other end of the spectrum of activity, Campi Flegrei is in a class of its own.
“This is not like Etna where you look up and see the volcano. Here you live in the volcano,” declares Gerardo Vernazzaro, the 46-year-old winemaker at his family’s Cantine Degli Astroni winery, named after the spent crater—now covered in forest and turned into a nature reserve—that sprawls miles below its oldest vineyard.
Naturally, there is a kind of fatalism here. Predictions are that one day it will catastrophically all blow up again. The last big eruption here, nearly 500 years ago, created the 430-foot Monte Nuovo over one week, and that mountain has slowly grown in height over the last 50 years. The once-chic Roman resort of Baiae, where Julius Caesar had a getaway, sunk into the sea following a seismic shift after the fall of the Empire. It’s now an underwater archaeological park.
Perhaps because the earth moves so much here, Campi Flegrei wines—principally the light Piedirosso reds and the local version of the white variety Falanghina—tend to be drunk quickly and locally.
“The wines here were born with the concept of carpe diem,” says Vernazzaro. “The idea is: Better an egg today than a hen tomorrow.”
Gerardo Vernazzaro checks out some of Cantine Degli Astroni's Piedirosso grapes as the family winery approaches harvest time.
Winemaker Gerardo Vernazzaro of Cantine Degli Astroni checks on the Piedirosso grapes, which handle hot summers well and are typically are harvested in October. (Robert Camuto)
Piedirosso makes some of the most appealing, easy-drinking reds I enjoyed this summer. Also known as Per e Palummo, Piedirosso is grown throughout Campania, including on Ischia island. Fresh, with low-to-moderate levels of alcohol (12 to 13.5 percent), the wines show red fruit and spice, becoming more savory and minerally as they evolve over time.
The image comes to mind of Gamay with a suntan.
Piedirosso—actually a family of related vines of different biotypes—is a late-ripening variety harvested in October that doesn’t seem to mind even record-breaking hot summers like 2022.
“Piedirosso is like we Neapolitans,” Vernazzaro says. “It likes the heat and sun.”
Astroni is in its fourth generation of farming here. Starting with the 2000 vintage, when Gerardo was finishing enology school up north, the family created a commercial label to market their wine. Astroni’s Piedirosso Campi Flegrei bottlings both come from the organically certified Camaldoli vineyard of volcanic sands and tuff stone. The Colle Rotondella bottling is fermented with native yeasts in stainless steel, and the Tenuta Camaldoli is made from a selection of grapes, from the vineyard’s best-exposed sections, that are fermented in cherry wood vats and aged in chestnut barrels.


Link: https://www.winespectator.com/articles/naples-volcanic-wines?fbclid=IwAR2ByxLAVbFWfUG8xpZdxAnpSK_8LD4VIgLmJbnTSwwnhr_kBJvpcVTIDgA

+
27/06/2017

Cogli l'attimo: Campi Flegrei Cantine Astroni

Un luogo magico e unico pieno di suggestioni, tappa ideale in un percorso eno-sensoriale, ambientato in uno scenario naturale senza eguali, dove la magnificenza della natura si celebra non solo attraverso la vista, ma soprattutto attraverso i profumi che arrivano a raffiche, misti all'aria salata. Basta fare un giro tra le vigne della Cantina degli Astroni per rendersene conto (...)
+
08/06/2017

Campania Stories 2017: I volti e i luoghi che stanno dietro le etichette

Una regione vinicola che non ti aspetti, la Campania, ricca di esperienze enoiche sorprendenti e di buone bottiglie da stappare
+
07/06/2017

Consigli imperdibili: i 5 rossi autoctoni da bere freschi, anche con il pesce!

Sarà perché da domani comincia Slow Fish a Genova (clicca qui per sapere proprio tutto di tutto su questo grande evento), sarà perché finalmente qui al nord sta iniziando il disgelo, si sta iniziando a pensare all’estate, al pesce e al dilemma dei vini rossi che nella bella stagione spaventano sempre un po’ il grande pubblico degli appassionati...
+
29/01/2009

Guida dei vini alla Feltrinelli

Per la prima volta Napoli ha la sua guida vitivinicola: 61 aziende e 700 etichette. Uno strumento indispensabile per gli appassionati e gli operatori del settore.

I VINI DEL CUORE
Ecco i 33 bicchieri con i quali ho potuto raccontatare dal 1995 il miracolo della viticoltura partenopea. Parlano al cuore per la storia, i personaggi, i luoghi, le situazioni in cui sono stati bevuti. Sono i miei preferiti, non i migliori. Mi regalano emozione, non tecnica.
+
1 - 2
Gennaio 2023
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
26 27 28 29 30 31 1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31 1 2 3 4 5

Riconoscimenti

OCTOBER 2021 - GAMBERO ROSSO - BERE BENE 2022

Colle Imperatrice- Campi Flegrei Falanghina Dop 2020 - Bere Bene 2022

SEPTEMBER 2021 - SLOW WINE 2022 -  TOP WINE

Colle Imperatrice - Campi Flegrei Falanghina Dop 2020 - Top Wine - Daily Wine

SEPTEMBER 2021- JAMES SUCKLING.COM - 93pts

Vigna Astroni - Campi Flegrei Falanghina Dop 2018 - 93pts

SEPTEMBER 2021- VINI BUONI D'ITALIA - GOLDEN STAR

Vigna Astroni - Campi Flegrei Falanghina Dop 2018 - Golden Star
1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10